Emozione

Un “emozione”
Da bambino mi consideravo “emozionato” quando, per esempio, mi spingevo sull’altalena, e nel punto più alto, prima di cominciare la fase della discesa , mi veniva il “friccichio” nella pancia.
In seguito, quando ragazzetto, si prospettavano i primi baci, friccicavo ancora..(in realtà tutt’oggi).
Poi col tempo, ho affinato il significato della parola “emozione”, perché ho avuto la fortuna di viverla nelle occasioni più svariate.
Spesso, nei miei pensieri, emozi one e stupore arrivano insieme: durante i viaggi o una semplice escursione, scorgendo uno scorcio particolare, o magari per un incontro con persone che raccontano episodi di vita che mi toccano il cuore.
Sono molteplici e diversissime tra loro le occasioni in cui mi emoziono, in cui la pancia “friccica” , mi succede con facilità, e sto anche imparando ad esprimerle, quelle emozioni, a lasciarle uscire.
Le emozioni alle volte arrivano improvvise, come una ventata di aria fresca in una giornata di sole. ti colpiscono cosi, quando meno te lo aspetti.

Ed ecco che un giorno, senza preavviso, ne ho provata una impagabile.
Ho sempre un po’ il timore di non riuscire a spiegare a parole quello che penso, men che meno saprei descrivere cio che ho provato quel giorno, in quel momento.

Spero quindi di rendere l’idea in questo modo, che in fondo, sento molto mio:
“mamma lupa”

lupo, montagna, fotografia naturalistica, gravida, emozionelupo, montagna, fotografia naturalistica, gravida, emozione